• Formazione
  • Accesso al credito
  • Visure e certificati
  • Avvisi per i soci
  • Scadenze
  • Come associarsi

  • Rassegna stampa
  • Eurosportello
  • Link utili
  • Confesercenti Italia
  • Mailing list
  • Notiziario Mensile

Questo anche perché l’evoluzione del mercato, che fino a qualche anno fa vedeva l’offerta di generi di largo e generale consumo, soprattutto di tipo alimentare, appannaggio della grande distribuzione, consentendo così ai piccoli negozi di vicinato di specializzarsi, oggi vede l’invasione della grande distribuzione anche nei prodotti di nicchia e non solamente del settore alimentare ma anche del non alimentare.

Queste nuove dinamiche hanno modificato le abitudini dei consumatori, i quali, potendo ormai muoversi agevolmente su tutto il territorio, raggiungono queste strutture in poco tempo, ovunque esse si trovino.

Pertanto anche nel settore commerciale la concorrenza subisce un allargamento degli orizzonti territoriali, e sollecita le imprese ad innalzare le condizioni di efficienza per poter competere con questo tipo di attività, imponendo strategie di rivitalizzazione ed ammodernamento sempre più frequenti, costose e rischiose, nonché l’esigenza di dover ricorrere continuamente al sostegno del credito finanziario. Da questo punto di vista non possiamo trascurare l’effetto che BASILEA 2 potrà avere sulla perdita di competitività delle nostre aziende, perché rappresenta un ostacolo al consolidamento e allo sviluppo delle stesse ed in particolar modo di quelle di minore dimensione.

Infatti qualunque modifica all’accesso al credito avrà un enorme effetto distorsivo sull’economia italiana, limitando la disponibilità di risorse finanziarie. L’applicazione troppo rigida di sistemi di rating, senza distinzione di grandezza e struttura aziendale penalizzerà l’accesso al credito delle PMI per le quali, non ancora pronte ad affrontare i problemi strategici del fare impresa e scarsamente dotate di mezzi propri, l’affidamento bancario rappresenta il più importante sistema di finanziamento dell’attività Per quanto riguarda il settore TURISMO è’ evidente la situazione di generale preoccupazione che caratterizza gli addetti ai lavori in questo momento.

I dati sull’andamento turistico rispecchiano il trend congiunturale negativo che sta coinvolgendo molti stati europei ed in particolare i paesi di lingua tedesca, nostri mercati di riferimento tradizionali. In particolare l’ultima stagione turistica è stata caratterizzata da un calo di presenze turistiche in alcune zone e da una diminuzione dei consumi.